La parola agli Amministratori

16 novembre 2012

LA SCURE DEL GOVERNO SI ABBATTE SU SULBIATE


Nonostante i tagli subiti dai Comuni nel corso degli anni, Sulbiate è riuscita comunque nel 2012 a mantenere le aliquote IMU al livello base: ciò è stato possibile, grazie alla solidità contabile e finanziaria del suo bilancio, raggiunta con il contenimento delle spese e il recupero dei tributi degli anni pregressi.

Si è sempre applicato il principio per il quale le tasse si possono ridurre o contenere solo se tutti pagano la propria parte.

Con l’entrata in vigore dell’IMU, lo Stato si era impegnato a garantire ai Comuni il gettito ICI 2010 (di totale pertinenza comunale) in ragione delle differenze rispetto al gettito IMU (che i contribuenti versano per metà direttamente allo Stato).

E così è stato fino al mese di ottobre.

La sorpresa è arrivata, per Sulbiate e per altre centinaia di comuni in tutta Italia, con le nuove stime di ottobre del Ministero: il comune di Sulbiate si è visto ridurre a posteriori il valore certificato dell’ICI 2010 per un importo di circa € 225.000,00.

Tale riduzione è incomprensibile e ingiustificata: lo Stato non garantisce più al Comune ciò che Sulbiate incassava in ICI, ma ha tagliato di € 225.000,00. Questa riduzione comporta l’impossibilità di sostenere le spese necessarie per garantire i servizi alla cittadinanza.

L’Amministrazione Comunale si è prontamente attivata presso il Ministero chiedendo la rettifica immediata delle nuove stime. I comuni che hanno subito questi tagli, e che ora rischiano il dissesto finanziario, intendono presentare ricorso al TAR contro lo Stato sostenuti da ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani).


A ciò si deve aggiungere il taglio della spending review che per Sulbiate ammonta a circa € 30.000,00.

Ad oggi, con la collaborazione degli uffici, si stanno mettendo in atto tutte le manovre per evitare il dissesto finanziario del bilancio 2012, anche se è evidente che la comunicazione dei tagli a fine ottobre, trova un bilancio in cui ormai la gran parte degli impegni finanziari del Comune sono già stati assunti.

Tale argomento sarà anche posto all’ordine del giorno della competente commissione comunale e del Consiglio Comunale previsto per fine novembre.

E’ volontà dell’Amministrazione Comunale contenere al massimo il disagio per i cittadini che deriverà dalle riduzioni di spesa che si renderanno necessarie, confidando che lo Stato rettifichi e riporti al valore originario le stime.

Per approfondire:

http://www.anci.it/index.cfm?layout=dettaglio&IdSez=810122&IdDett=39235

http://www.anci.lombardia.it/notizie/IMU---Delrio-a-Grilli-pronti-a-sostenere-Comuni-in-ricorsi-a-giustizia-amministrativa.asp

http://www.anci.lombardia.it/notizie/Riduzione-valore-ICI-2010-per-Fontana---la-scelta-del-governo-e-incomprensibile--.asp

http://www.anci.lombardia.it/notizie/Tagli-ai-fondi-di-riequilibrio-in-relazione-al-gettito-Imu--la-preoccupazione-di-sindaci.asp

L’Amministrazione Comunale, 16 novembre 2012

Ritorna